Quando cambiare il tuo materasso?

Ti svegli spesso nel cuore della notte; sul tuo materasso sono apparse strane buche; ogni volta che cambi posizione, fa così tanto rumore che la stanza sembra il palco principale di un festival musicale.

Insomma, diversi segni inequivocabili che chiedono la stessa cosa: è ora di fare un cambio materasso. Quindi, non ritardare ulteriormente e presta attenzione alla varietà di segni che hanno indicato questa sostituzione.

Cambiare il materasso: i motivi principali per sostituirlo

Siamo entrati in una nuova era di riposo. Quei tempi in cui i vecchi modelli di molle rumorose non lasciavano spazio o opportunità per nessun tipo di alternativa, fortunatamente sono stati sostituiti da una rivoluzione tecnologica di memory foam, lattice, schiumogeno e molle.

I segnali per cambiare definitivamente il tuo materasso sono tanti e vari. Possono essere dovuti a motivi di traspirazione, compattezza, composizioni, dimensioni o anche al materiale principale con cui sono realizzati i materassi.

Ma ci sono anche elementi esterni che ci stanno trasmettendo una sostituzione necessaria. Potrebbe esserci usura, deterioramento o anche mancanza di igiene nel materasso stesso a causa della comparsa di acari, batteri , muffa o polvere. Ma, in aggiunta, un uso improprio (costante fuoriuscita di liquidi, ad esempio) ha potuto indebolirne le prestazioni. Insomma, e come se fossero segnali stradali, tutto indica lo stesso percorso: il tuo materasso ti chiede di cambiarlo.

Il materasso ha già più di 10 anni

Secondo tutti gli esperti, le prestazioni di un materasso si riducono non appena sono trascorsi dieci anni dal primo utilizzo. Pertanto, il primo segnale a cui dobbiamo prestare attenzione è relativo alla carta d’identità del materasso. E, per quanto buono lo vedi ancora, sostituiscilo.

Problemi fisici

Quante volte ci dimentichiamo che un buon riposo notturno è sinonimo di salute? E, quindi, un cattivo sonno avrà un impatto negativo sul nostro corpo e sulla nostra mente. Dolori muscolari, dolori articolari, problemi fisici, contratture, stress, ansia.

Sia fisicamente che psicologicamente, dormire male a causa di un materasso danneggiato o di scarsa qualità finirà per peggiorare la qualità della vita. Non esitare, abbraccia la tecnologia e sostituisci il tuo vecchio materasso con un nuovo modello.

Il materasso ha perso le sue qualità igieniche

Funghi, acari, batteri, capelli che perdiamo, polvere domestica, il nostro sudore durante il sonno, fuoriuscite di liquidi, odori, scarsa ventilazione o persino muco notturno, possono causare un deterioramento del nostro materasso. Non solo la qualità del sonno stesso è compromessa, bensì il tuo vecchio materasso si trasformerà in un prodotto antigenico, con note conseguenze per la salute.

Il proprio deterioramento

È noto che un materasso, con il passare del tempo e il suo uso quotidiano, finisce per affondare e deformarsi. Una situazione in cui influisce anche la questione igienica di cui abbiamo discusso nel punto precedente. Se passiamo un terzo della nostra giornata a dormire, moltiplicandolo per i dieci anni previsti come vita utile, il risultato che ci dà è quello della sua sostituzione.

Per problemi estetici o modifiche personali

Dal fatto stesso di iniziare a convivere con un partner alla necessità di dormire su un materasso più grande, ci sono elementi esterni e sociali che possono portarci ad abbandonare il nostro vecchio materasso. La nostra vita è cambiata e, per quanto fa male salutarli, è ora di sostituirli con nuovi modelli.

Ti mancano tutti i progressi tecnologici che il resto del settore ha sperimentato

Come compendio di tutti i segni di cui sopra, il solo fatto che non ti stai godendo un materasso di qualità fabbricato oggi è un motivo più che sufficiente per sostituirlo. Memory foam o lattice ti stanno rivendicando.

Per scegliere al meglio i modelli più adatti alle tue esigenze, visita il sito https://migliorimaterassi.it/.”